Preghiera per Imbolc / Candelora

di Anna Fraddosio Commenta

Imbolc è ormai alle porte. Avete preparato il vostro altare?; Le vostre figure e rappresentazioni della Dea Brigid?; Le infinite candele che in questo giorno illumineranno la vostra casa? Siete pronti per festeggiare la festa della Luce? Io come sempre farò la mia parte proponendovi una preghiera che potrete recitare in questo giorno.

Imbolc o chiamata e ben conosciuta come anche Candelora è un giorno che come ben sappiamo viene festeggiato non solo dai pagani ma anche dai cattolici.
Alexander Carmichael era uno studioso di folclore che ha trascorso gran parte della sua vita in giro sugli altopiani della Scozia a raccogliere storie, preghiere e canti; egli ha ben mescolato le tradizioni pagane con l’influenza che ha poi avuto il cristianesimo facendo si che le preghiere e le storie potessero essere recitate da entrambi.

Nella sua opera più famosa “Carmina Gadelica” , pubblicata nel 1900, riportò una preghiera rivolta alla Dea Brighid o Santa Brigida, in cui onorava questa notte con un canto da recitare la sera di Imbolc. Il canto è in gallico ed è bene recitarlo nella sua lingua di origine, affianco alle parole in gallico, come potete vedere qui sotto, c’è la traduzione in italiano.

“Un numh Tri (Il sacro Tre)
A chumhnadh, (Per salvare,)
A chomhnadh, (Per proteggere,)
Un chomraig (To circondano)
Un tula, (focolare)
Un taighe, (La casa,)
Un teaghlaich, (La famiglia,)
Un oidhche, (questa vigilia,)
Un nochd, (Questa notte,)
O! un oidhche, (Oh! questa vigilia,)
Un nochd, (Questa notte,)
Agus gach oidhche, (E ogni notte,)
Gach aon oidhche. (Ogni singola notte.)
Amen.”

Vi auguro una felice festa della Luce!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>