Come proteggersi dal malocchio

di Malvi Commenta

Come proteggersi dal malocchio? Ecco le tradizioni popolari più famose che consigliano modi per tenere alla larga le negatività...

Credete al malocchio e alla possibilità di poterne diventare vittima? Avete avuto il dubbio che qualcuno possa avere pregato per il vostro male? Quando si parla di malocchio c’è chi ci crede e chi no. Tuttavia, alcune credenze popolari che si sono tramandate negli anni hanno individuato alcuni trucchi per proteggersi dal malocchio in modo efficace. Vediamo quali sono le più conosciute per riuscire a restare indenni!

proteggersi dal malocchio

Per proteggersi dal malocchio il consiglio era quello di tenere in casa la riproduzione di una civetta o di un gufo. Ma anche collane di aglio e peperoncino rosso sono sempre stati considerati ottimi alleati contro il malocchio. I portafortuna, quadrifogli, ferri di cavallo, sono tutt’oggi i metodi più utilizzati per tenere a debita distanza il malocchio. Teneteli in casa, in un cassetto magari, contribuiranno a proteggervi. Da tradizione popolare anche alcune erbe risultano essere particolarmente efficaci contro il malocchio. Ci riferiamo a iperico o verbena.

I SINTOMI TIPICI DEL MALOCCHIO

Ancora, per proteggersi dal malocchio, cercate di stare lontani da tutte quelle persone che pensiate possano volere il vostro male. Meno persone potenzialmente pericolose avrete intorno e meglio sarà per la vostra salute. Ma come capire se siete stati colpiti da malocchio?

COME FARE IL MALOCCHIO

Se avete il dubbio di avere il malocchio ma non la certezza, mettetevi sul capo un piatto pieno d’acqua dentro il quale una amica fidata deve versarvi tre gocce d’olio recitando una preghiera. Se l’olio si dissolve nell’acqua vuol dire che potete stare tranquilli, altrimenti il maleficio è in corso d’opera! Per

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>